• Ven. Mar 1st, 2024

Pagine del Cilento

Portale di informazione, news, cronaca, attualità della provincia di Salerno.

Controne. La Scuola Elementare “Vincenzo Greco” sarà ricostruita per garantire maggiore sicurezza

DiAlessandra Pazzanese

Ott 29, 2022

Controne, nel cuore degli Alburni, avrà una nuova scuola. La Scuola Elementare “Vincenzo Greco” sarà demolita e al suo posto sarà costruito un nuovo edificio antisismico e più sicuro. Una bella notizia, sembrerebbe, eppure il progetto portato avanti dall’amministrazione comunale retta dal sindaco, Ettore Poti, non ha trovato l’approvazione di alcuni cittadini presi dalla nostalgia per la vecchia scuola. “Distruggono un luogo del cuore” hanno detto alcuni, “chi non serba questi ricordi della scuola che ha frequentato da bambino?” hanno affermato altri. Eppure la decisione dell’amministrazione e dei tecnici che hanno lavorato al progetto per la nuova scuola è stata presa nell’interesse degli alunni, che frequentando temporaneamente l’istituto di Castelcivita, e del personale scolastico. Demolire e ricostruire la Scuola Elementare “Vincenzo Greco”, ultimata nel 1955, avrebbe lo stesso costo previsto per l’adeguamento sismico con la differenza che la ricostruzione ex novo garantirebbe alla comunità un edificio in grado di offrire i più elevati standard possibili in termini di sicurezza ed efficienza energetica, cosa che non si potrebbe garantire con l’adeguamento sismico. “Le scelte fatte sono in linea con la relazione tecnica redatta, in seguito a diverse analisi tecniche, dall’Ingegnere Vito Brenca, quindi si tratta di scelte di sicurezza e buon senso” ha fatto sapere il sindaco, Ettore Poti assicurando che l’edificio diverrà un vero e proprio “polo scolastico” all’interno del quale verranno raccolte tutte le attività legate all’istruzione, al micronido alle classi successive. Dalla relazione dell’Ing. Brenca emerge che la struttura attualmente presenta una muratura a sacco e quindi dalla scarsa resistenza e livelli antisismici più alti potranno essere raggiunti solo con la ricostruzione dell’edificio.

 

Alessandra Pazzanese