Cerca
  • info392115

Roccadaspide. Problemi per la prenotazione dei vaccini e per il trasferimento dei pazienti Covid

Impossibilità di prenotare i vaccini presso l’hub di Roccadaspide, pazienti con covid trasportati con barelle non contenitive, è questa l’allarmante situazione sanitaria nel comune capofila delle aree interne del Cilento. Il 31 dicembre il primo cittadino, Gabriele Iuliano, inviò una nota ai vertici sanitari locali in cui sollecitava la riapertura del centro vaccinale le cui attività erano rimaste sospese dal 28 dicembre nonostante la veloce diffusione dei contagi. Ieri, alla luce di una nuova comunicazione che annunciava la riapertura del centro vaccinale rocchese con necessità di preventiva prenotazione tramite la piattaforma apposita, diversi cittadini hanno lamentato notevoli difficoltà: “Rallegrato della notizia, mi sono precipitato per prenotare la terza dose di vaccinazione. Sta di fatto che effettuata la prenotazione mi sono ritrovato a poter scegliere solo tra i centri di Siano, Salerno, Battipaglia, Eboli e Sarno, ma di Roccadaspide nessuna traccia” ha lamentato P.D., residente a Roccadaspide, che data l’età e le difficoltà personali è impossibilitato a raggiungere i centri lontani dal suo comune. Tanti gli utenti nella stessa situazione. Pare impossibile prenotare il vaccino a Roccadaspide sia tramite piattaforma, sia tramite applicazione. “E’ sconcertante questo modo di procedere che crea disagio e confusione tra la popolazione mentre, in questo momento, ci sarebbe bisogno della totale cooperazione di tutti per garantire immediatezza nelle vaccinazioni e soprattutto facilità di accesso agli utenti cosa che non è data di registrare stante la poca trasparenza e l’approssimazione nella gestione delle attività da parte del locale centro vaccinale” ha denunciato il sindaco di Roccadaspide, Gabriele Iuliano. Una situazione difficile a cui si aggiungono anche le difficoltà legate al trasporto dei pazienti con covid: solo pochi giorni fa un paziente di Controne fu trasferito dall’Ospedale di Roccadaspide a quello di Scafati in un’ambulanza priva di barella contenitiva nonostante la nuova ambulanza, acquistata a settembre dall’Asl di Salerno e costata circa 160mila euro non sia stata mai utilizzata.


Come se non bastasse, pare che la barella di biocontenimento in dotazione della nuova ambulanza e del valore di circa 12mila euro, qualche settimana fa sia stata tolta dal nuovo mezzo per essere adattata ad un’ambulanza privata chiamata a coprire il servizio di trasporto dei pazienti e che in quell’occasione si sia rotta e così i pazienti attualmente, non solo vengono trasferiti con ambulanze di ditte private che non hanno partecipato all’avviso pubblico indetto dall’Asl comportando ulteriori costi per l’azienda, ma vengono trasferiti senza apposite barelle. “A sud di Salerno si comprano le attrezzature e non vengono messe nelle condizioni di funzionare. Mi auguro che la magistratura intervenga per far luce su tali questioni” ha affermato Girolamo Auricchio, vicesindaco di Roccadaspide e Presidente dell’Associazione per le Aree Interne del Cilento.


Alessandra Pazzanese


207 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti