Cerca
  • info392115

Roccadaspide: dal 19 luglio riaprirà lo studio del pediatra di libera scelta con il Dottor Esposito

“Non mi spaventa sapere che ci sono tanti bambini a cui prestare assistenza, i bambini mi danno l’energia giusta anche per affrontare una gran mole di lavoro” si è presentato con queste parole che trasmettono empatia e fiducia, il dottore Elia Esposito. Esposito, dal diciannove luglio prossimo, aprirà il suo studio nel centro di Roccadaspide, proprio dove aveva sede lo studio dell’ex pediatra, Alfredo Boccaccino. C’è grande attesa nell’entroterra cilentano per l’arrivo del nuovo pediatra di libera scelta che risolverà la situazione emergenziale venutasi a creare dopo il pensionamento di Boccaccino, pediatra di riferimento per i novecento bambini del territorio rimasti a lungo privi di continuità assistenziale. Originario del napoletano, è nato a Torre Annunziata, Esposito ha ricevuto l’incarico a tempo indeterminato dopo il trasferimento dall’Ats Insubria della Regione Lombardia. Fino al diciannove luglio, infatti, il pediatra rimarrà in servizio a Menaggio, in provincia di Como, cittadina in cui opera da cinque anni. “Non avrò ferie, non appena cesserà il servizio a Menaggio, inizierò a Roccadaspide, ma non lo farò con stanchezza, anzi, fidandomi del mio istinto, posso dire che verso le persone di Roccadaspide e degli altri comuni del territorio ho nutrito sin da subito molta simpatia. Sono certo di trovare un ambiente accogliente” ha continuato Esposito. Attualmente l’assistenza sanitaria dei bambini dei paesi dell’entroterra cilentano è stata affidata ai medici di base o ai pediatri di Capaccio Paestum, pur essendo questi già saturi di pazienti. Si tratta di una soluzione momentanea adottata proprio fino alla nomina del nuovo pediatra. Esposito, dunque, assisterà i bambini residenti in diciassette comuni delle aree interne, nello specifico si tratta dei piccoli pazienti di Roccadaspide, Aquara, Bellosguardo, Castel San Lorenzo, Castelcivita, Controne, Corleto Monforte, Felitto, Laurino, Monteforte Cilento, Ottati, Piaggine, Roscigno, Sacco, Sant’Angelo a Fasanella e Valle dell’Angelo, ma il numero di pazienti per lui non rappresenta un problema: “sono abituato a gestire tanti bambini. Mi piace essere sempre disponibile anche dinanzi alle ansie e alle paure dei genitori. Il mio numero di telefono è un canale aperto per i genitori che, in caso di dubbi, anche contattandomi tramite messaggistica istantanea riceveranno una risposta” ha concluso Esposito che, da sempre, nonostante i numerosi pazienti, conserva lo stesso numero di telefono sia per la sfera privata che per il lavoro che tanto lo appassiona. Tanto che il suo studio è tappezzato con i disegni regalatigli dai suoi piccoli assistiti.


Fonte: La Città - Articolo di Alessandra Pazzanese


97 visualizzazioni0 commenti